ESCUSSIONE PEGNO NON POSSESSORIO

Il Decreto prevede le modalità di escussione del Pegno Non Possessorio, imponendo un preventivo avviso scritto al datore di pegno e agli eventuali titolari di un pegno non possessorio trascritto successivamente.

In particolare, il creditore può decidere di:

Vendere il bene oggetto di pegno, trattenendo il corrispettivo a soddisfacimento del credito fino a concorrenza della somma garantita e trasferendo al costituente pegno l’eventuale eccedenza. Il bene deve essere venduto attraverso procedure di vendita competitive, anche con l’ausilio di operatori specializzati, sulla base del valore stimato dagli esperti. La procedura di vendita deve essere adeguatamente pubblicizzata, anche attraverso, in ogni caso, la pubblicazione sul sito web del Ministero della Giustizia, ai sensi dell’Articolo 490 del codice di procedura civile.

Escutere i crediti oggetto del Pegno Non Possessorio fino a concorrenza della somma garantita.

Procedere alla locazione del bene oggetto del pegno imputando i canoni a soddisfacimento del proprio credito fino a concorrenza della somma garantita, qualora sia previsto nell’Atto di Pegno registrato.

Appropriarsi dei beni oggetto del pegno fino a concorrenza del valore delle obbligazioni garantite a condizione che l’Atto di Pegno registrato ne preveda tale possibilità e preveda anticipatamente i criteri e le modalità di valutazione del valore del bene oggetto di pegno e dell’obbligazione garantita. Il creditore deve prontamente comunicare per iscritto al datore di pegno il valore attribuito al bene ai fini dell’appropriazione.

Inoltre il Decreto prevede che, in caso di fallimento del debitore, il creditore può procedere con l’escussione del Pegno Non Possessorio solo dopo che il suo credito è stato ammesso al passivo con prelazione. A differenza di quanto avviene per il Pegno, a seguito dell’ammissione al passivo, i creditori garantiti potranno disporre del bene oggetto della garanzia senza la necessità di ricevere alcuna autorizzazione da parte del Tribunale.

I commenti sono chiusi